Home > Methode carre magique roulette

Methode carre magique roulette

Methode carre magique roulette

Il me fallait pro- comme nul autre à toutes les pressions de la céder de cette manière discontinue, par mode et du commerce, et se situer excentri- incursions latérales, afin de montrer le quement par rapport aux courants les plus ap- mieux possible la complexité du noyau parents du mimétisme formel. On ne front. Il a communiqué de manière flagrante, souverai- donc perverti, autant que subverti, les lois de ne.

Mais nous y rendre tous ceux que ne fascinent pas les assistons à la destruction réglée des symbo- gloires trop évidentes. Car un peintre a be- les et des mythes qui ont exercé si long- soin de reconnaissance intime. Il travaille temps leur autorité sur les consciences. La reconnaissan- mets. Paul Derain, Adrien- cide dans Une révolution du regard, Paris, Gallimard, Maisonneuve, Michaux, Face aux Verrous, Paris, Gallimard, Mi piacerebbe inoltre evo- complementari.

Si tratta di una critica che è mol- tà del segno prodotto dal gesto sulla superfi- to meno antropologica, strutturalista, legata cie del quadro. Nel corso di questi due periodi, hai scrit- ci ha riuniti e nella quale anche Scanavino ha to su artisti di generazioni diverse. Penso a avuto una parte importante alla fine degli an- Scanavino e a Lam, e agli artisti della figura- ni sessanta e nel corso degli anni settanta.

Erano tutti legati. Gelosi tra di loro? Non la velocità. Ho sotto gli occhi quello che hai scritto su di lui. Neanche io lo credo. Non in quegli anni. È noto che la maggior mento che si chiamava Corrente, con artisti parte di questi scritti hanno una tonalità forte- come Vedova, Cassinari e molti altri che ave- mente poetica. Sono scritti in parallelo alle pa- vano vissuto in un clima di grande solidarietà gine che hai dedicato a Lam negli stessi an- nel corso degli anni violenti del fascismo. Credo di aver parlato troppo, ma era giu- Questa generazione di uomini nati tra il sto per introdurre questa conversazione su e e il aveva sofferto molto.

Molti, come a partire da Emilio Scanavino, che ci permet- mio padre, erano stati inviati al confino, men- terà di parlare anche di te. Innanzitutto permettimi di so di Aligi Sassu. Tutti questi artisti erano dun- leggerti questa pagina, che ho scritto stamat- que legati tra loro da una storia comune di re- tina mentre ti aspettavo: È per questo che erano tutti solida- sans réaction, délicieux, rieur à hélices, tu li e non erano gelosi tra di loro. Hai scritto su étais mon manifeste complice. As du looping, Crippa? Quel opéra! La peinture selon toi G. E se iniziassimo da Scanavino?

Depuis ta mort, il bilmente quello che ti ha interessato in Sca- fait partout un temps de chien: Un omaggio a Roberto Crippa. Ma è sopravvissuto a que- tanto. Esiste sicuramente da qualche parte sta malattia grazie a una macchina che gli la- una fotografia di noi due che scendiamo dal vava il sangue in continuazione. Aveva dun- suo aereo, come superstiti di una caduta evi- que un rapporto quotidiano con la morte. Crippa ci riporta indietro nel tempo. Con Crippa stai evocando tura. Quel testo è ancora attuale. È potente, qualcuno che è stato molto vicino a Fontana, appassionato perché stridente, inventivo ed Scanavino, Dova, Peverelli.

Puoi situarmi Scanavino in rapporto ad mo avuto una lunga conversazione insieme, altri artisti della sua epoca che lavorano sul poco prima che morisse, che sarà senza dub- segno, sulla scrittura? Il Tu sei un critico, tu sei a cavallo dei principi dialogo ha avuto luogo nella mia casa in Nor- della critica — e hai ragione a esserlo perché è mandia, nel Cotentin, e ci siamo intesi molto il principio del tuo lavoro — mentre io ho sem- bene. Sono dei gestori che si oc- mite.

Per me, come diceva Yeats, la retorica cupano prevalentemente dei finanziamenti, nasce dal confronto con gli altri e la poesia dal dei trasporti e delle assicurazioni dei lavori ar- confronto con noi stessi. Questa distinzione è tistici, persone che in fin dei conti hanno ri- capitale. Chiarisce tutto. Uno scrittore e basta, niente di meno e A. Non è molto carino da parte tua confon- niente di più. Ma soprattutto, sono uno scrit- derlo con questa gente, anche se egli è stato tore che non ha mai smesso di voler argo- anche questo. È stato un anticipatore di questa gente, G.

Quelli che oggi anni sessanta si semplifica. Ho avuto soprattutto la fortuna di incon- Penso a personalità come Pierre Restany o trare, tra i 18 e i 20 anni, moltissimi pittori e Michel Ragon, anche se bisogna riconoscere artisti, di frequentare i loro atelier e capire co- che Restany ha contribuito pienamente alla me lavoravano. Non mi limitavo ai musei e al- formula del Nouveau réalisme. Andavo a trovarli e ognuno di essi mi ha por- A. È il pensiero che pista. Ma fu per me un grande amico: La trasmutazione di tutti i va- re la creazione con finanziamenti adeguati.

Ri- lori, qualsiasi essi siano, mi hanno persuaso torniamo a Scanavino. Rispetto ad artisti co- della sua necessità sin dalla mia prima lettura me Degottex o anche Hantaï, per esempio, di Nietzsche. Non vi ho mai aderito, perché è un valori e vi è stata persino una rivista a Milano movimento confuso. Una rivi- sta alquanto strana, con un titolo orribile e ar- G. Lo difendeva Michel Tapié, con la sua ticoli incentrati su artisti, scrittori e architetti definizione molto vaga di art autre. Scusami ancora: Era di obbedienza, da cui questo titolo enfatico e gli questa opinione anche Henri Michaux.

Ma ritorniamo al nostro dibattito sul- G. Sosteneva gli artisti in un sistema stiere o meglio una serie di mestieri legati al- di mercato. È chiaro che non era Jean Paul- le arti visive. Ci sono degli operatori artistici, han. È una situazione assai di- deravo come un grande amico. Gli piaceva il versa da quella che hai conosciuto. Non esi- mio modo di scrivere poesie. Quello è stato un pe- con Gallimard. Ho vissu- to questi momenti tra il e il , quan- G.

Ma come lo posizioni, tu, Scanavino, per do invece tu hai avuto la fortuna di vivere que- esempio, rispetto a Vedova? Non possiamo sta stagione felice nel pieno degli anni cin- dire che Vedova non sia un pittore informale. Quando non è solo, non mi fi- do, perché vuol dire che fa parte di un gruppo G. La sola ecce- to confusa dove i concetti si sono accavallati, zione è il gruppo surrealista in cui ogni sur- mescolati. Non cono- tura opposte. Lo stesso vale per approfittato del suo statuto di star mediatica Arp e Tanguy. Anche Victor. Quanto a Marcel Du- to, utilizzando la celebrità di Mathieu per au- champ, è ancora più flagrante: Per quanto riguarda Marcel Du- un samurai e sapeva anche essere molto ge- champ, fu senza dubbio, tra tutti i miei amici, neroso.

Quando sono arrivato la prima volta il più influente perché il più indipendente. Du- G. Scanavino tu lo situi piuttosto dalla par- to più profondo, quello di Jung. Io sono molto te del segno, della velocità. Penso infatti a più junghiano che freudiano. La tesi di Michel Lam con cui è stato molto vicino. Da Calice Li- Onfray su Freud mi pare più convincente a gure, dove egli viveva, andava spesso a tro- questo proposito. Ma an- Freud no. On- A. Non ho la velocità della tua parola… so- fray se la prende con Sade perché Sade è un no ormai più lento, mi serve distanza, non so- aristocratico, mentre lui proviene dal popolo e lo rispetto al tempo di ieri e oggi, ma rispetto lo rivendica. Guardo queste cose di- Sade non deriva forse dalla volgata marxista versamente da te.

E parlare soprattutto cartina geografica. Il primo filosofo individualista greco no i nostri eredi degli artisti di oggi? Nessuno era un figlio libero di schiavi: Questo dopo? No, era impossibile. La Storia con la S maiuscola è solo un mito. Va continuamen- G. Io credo che sia coraggioso, e soprat- te reinterpretata. È il presente che inventa il tutto giusto e desacralizzante da parte di On- passato. Oggi A. Onfray, in questo caso — da verificare — gli artisti si riuniscono intorno a un concetto, dimentica la bellezza dei poemi erotici di Ba- quando un commissario o un curatore formu- taille, che sono folgoranti di gioia pura e pro- la un concetto e un tema e finanzia le opere a vocante.

Per lui la morte si confonde con più artisti per una mostra temporanea. Tu classifichi Scanavino tra questi solita- a Boltanski. Alcuni artisti hanno successo con ri. Se Boltanski e Kapoor questo planisfero, questa cartina geografica non sono artisti di una sola opera, fanno co- degli anni cinquanta, con i gruppi, le sensibili- munque scuola in questo senso. Non sono artisti, ma piuttosto commer- sti come Wols, Fontana, Capogrossi o anche cianti, non ambiscono che al loro successo Vedova.

Abbiamo parlato di Mathieu che dopo un breve periodo promettente si disgre- G. Lavorano sulla monumentalità. È il sistema del cinema adattato A. Bryen era un artista ultrasensibile, piut- alle arti visive. Quanto a Soulages, egli ha in- questo modo di fare. Buren ha poi seguito i ventato questo nero-specchio della luce che suoi passi e successivamente il fenomeno ha riflette la luce meglio dei colori, paradosso avuto un seguito Jeff Koons I suoi quadri sono spesso splendidi.

Molti artisti la- A. Che ambiguità in tutta questa storia! Se cursore di questo modo di fare. Adesso ti faccio una domanda precisa. Qual è stato il tuo G. La sua opera princi- A. Cosa ci resta Matta era stato cacciato da New York a cau- di lui? La figura del pastore che guida il popolo sa. Matta aveva aiutato molto Gorky, ma sulla via della difesa della natura. Picchiava sua moglie A. Sarà stato sicuramente un e il suo atelier era andato bruciato nel corso buon aviatore, un as du piqué. Non sono un di un incendio a New York insieme a 27 dei amante dei suoi acquerelli e disegni che sono suoi quadri. Un architetto di nome Kiesler a mio parere troppo miseri.

Vi è traccia di un aveva accusato Matta di avere una relazione senso di colpa. Ci sono due modelli in quegli anni. Quando Matta è passato per Pa- ra industria. Questo grande inventore ha abbattuto il e mi ha raccontato tutto. Era stato appena suo stesso gioco: Tutti questi artisti dovrebbero es- ton aveva creduto a Kiesler, che era gelosis- sere definiti dei designer, compreso Anish simo del talento di Matta. In seguito Du- Kapoor, quello che ha esposto una grande champ è intervenuto e ha spiegato a Breton palla al Grand Palais. I suoi quadri possono davvero odiosa.

E quindi Matta mi ha invitato essere visti anche come degli specchi del- a Roma. Abbiamo parlato molto. La registrazione dei movimenti reali del Venezia. È stata la sua prima retrospettiva, pensiero. Siamo in pieno nella definizione del nel Pubblicai uno dei nostri dialoghi, ol- surrealismo data da Breton.

Si potrebbe parlare in questo senso di molto simpatica che si chiamava Ruth Mo- materialismo psichico. Abbiamo avuto delle relazioni ami- G. Nella Question S. Posso chiederti di sviluppare questo lussuoso con una terrazza sul Canal Grande. Avevamo fatto il ba- A. Secondo Bataille, la sovranità è la de- vimento, che era di marmo, ha retto e quindi cisione interiore di un individuo che vuole sé vi è stata solo una piccola inondazione al pia- come sovrano e non risponde ad alcuna mo- no inferiore. Questa donna amava molto Mi- rale. Un dissidente permanente, che odia e chaux.

Ho porta- ma di ordine sociale. Un ribelle rispetto a tutta to Ruth Moskin da Michaux, che gli ha dato la società. Questa idea è scaturita dal ché lei voleva fare una mostra nel suo gran- mio incontro con Picabia. Mi aveva invitato a de appartamento di New York. Gabrielle qualcuno piuttosto che in una galleria. Non Buffet, la moglie di Picabia, ci aveva invitati per so se li ha mai venduti, ma non glieli ha mai vedere un enorme quadro astratto del o restituiti, né pagati.

Sono diventato molto amico di Gabrielle: Il profilo perfetto della scroccona telligenza, colta, ironica, piena di buon senso, mondana. Lei ha scritto questo li- A. Ma è bro importante che si chiama Aires abstraites. Egli era terribilmente volubi- le e imprevedibile. Se ne andava via brusca- G. Un triangolo dunque interessante: Lei la velocità, al segno, alla scrittura. Parlavamo lo lasciava fare senza mai lamentarsi del suo prima della relazione tra Scanavino e i disegni comportamento.

Una vera donna, non una mescalinici di Michaux, ma non avevamo an- femminista. Ho anche incontrato Tzara. Abita- cora evocato Matta. In Matta ci sono degli au- va al numero 4 di rue de Lille, nello stesso pa- tomatismi e una velocità che possono far lazzo di Jacques Lacan. Scanavino le questo palazzo Tre esempi di individuali- A. Non credo che avrebbe sopportato la di- smo assoluto. Tre uomini liberi. Una radunata da cui sono scappa- G. Avevo studiato lo spagnolo, perché mio lei simpatizza con Valerio Adami, questo gio- padre era un collaborazionista e dato che la vane artista?

Fu il mio secondo te- che io imparassi questa lingua, piuttosto che sto. Mi ha invitato a casa sua e mi ha do con italiani di ogni tipo. Avrai anche incontrato Lam a Milano, G. Ma come sei entrato in contatto con gli quando lavorava alle sue incisioni con Upiglio. Ho conosciuto Scanavino poco tempo gi, alla Città universitaria, dove egli risiedeva. Ma a Parigi ho anche co- tile, generosa, intelligente, e che ringrazio per nosciuto molti altri artisti italiani, come Cre- la sua amicizia. È stato quin- A.

Soprattut- gli artisti. In seguito, altri artisti, in Francia, to tra i giovani. Non è lo stesso oggi. Giappone e altrove, mi hanno chiesto delle prefazioni per loro. È per questo motivo che G. È nella lo- non si sviluppa più su dei decenni, ma si con- ro tradizione che mi sono sempre situato e clude nel giro di pochi anni e intorno a qualche non in quella di Gustave Geffroy né tantome- operazione ben gestita. Si parlava di tutto, ar- G. Anche Schwarz mi ha chiesto parnasse. Questi incontri duravano giornate di scrivere delle presentazioni per gli artisti. Ed è qui che ho conosciuto un ragazzo ti- della Coupole. Gli ho chiesto come si chiamava e mi ha risposto: Valerio Adami.

Era G. Il mercante Carlo Cardazzo mi disse: Mi pagarono una bella ca- poche. Spesso, io che A. Vi ho pubblicato un libro su Brauner e non avevo un soldo, ero ricevuto come un uno su Michaux. Una storia comica. Ti ritrovi in un hotel di lusso per qual- A. Una bella esperienza. San Lazzaro, che che giorno mentre in realtà sei veramente mi aveva scelto come caporedattore, poi co- senza soldi. Posso dire di essere uscito dal- U. ART , a quello che ho definito Realismo la miseria grazie agli artisti. Jean-Christophe Bailly, per G. Finalmente, di tutti gli artisti italiani, è esempio, ma anche Jean-Philippe Domecq e Scanavino sul quale hai scritto di più.

Più che Henri-Alexis Baatsch. Ho parlato di Cremoni- su Baruchello o Adami. Ma mi piacerebbe ni e Takis. E tica. Ci sono gli storici, quelli che aprono una numerosi artisti ci davano delle litografie fir- cartina geografica e classificano gli artisti per mate per pagare le spese. È grazie a lui che affinità Tu sei tra questi. Avevo due assi- G. Tutti erano ben pagati, per- e a situarsi in una posizione di maieutica, cioè sino il fattorino! È interessante vederli lavorare. Stare co Jacques Dupin. Georges aveva un sistema di finanziamento che gli G. A noi redattori non riusciva quasi mai a A.

Fu Prévert a raccomandarmi di incontra- dare qualcosa. Aveva un piccolo A. A volte, in segreto. Fui anche in- feci. Prévert era straordinariamente intuitivo, viato speciale alla Biennale di Venezia per oltre che essere un ottimo consigliere. Un artista appassionante. Un vero e proprio antiprodut- borghesi francesi. Una sorta di santo del Ma- tore. Di guar- le, come lo ha definito Sartre nel magnifico li- dia davanti alla Villa Susini, aveva udito le gri- bro che gli ha dedicato — uno dei suoi capola- da dei torturati del generale Massu un no- vori, che sto rileggendo, insieme ad Apollinai- me predestinato Stregato dalla violenza, re, Breton, Aragon, Reverdy Ma ha dedicato gran parte del suo lavoro ai pu- parliamo infine di te, del tuo itinerario.

Derivava tutto da questa sua tragica esperienza. Quando lo incontrai, in un bar G. Si lasciava andare a dei dedicato parecchi testi. Fu grazie al poeta alge- su cui ho scritto dei libri di storia, come Fon- rino Henry Créa che seppi che Pommereulle tana e Severini. Fu in quel bar che mi due volte in vita mia, quando ero bambino, in- diede il suo indirizzo di rue de Lille, dove gli sieme a mio padre, che li frequentava e scri- feci visita, a casa di sua nonna. Allora dipin- veva su di loro.

Ho fatto su di loro un lavoro di geva degli splendidi tramonti su tela con la storico. Quello che è interessante nella tua vi- tecnica tradizionale della pittura a uovo, che cenda con Scanavino è il dialogo che tu hai bisognerebbe ritrovare ed esporre, perché avuto, un vero dialogo, molto importante. Co- ne serbo un ricordo incredibile. Vi siete incontrati e tu hai sicuramente contribuito ad arricchire il G. Abbiamo parlato di Scanavino, Lam, suo pensiero visuale. Abbiamo sicuramente dimenticato si.

Un rapporto che sembra essersi spez- che è molto vicina a quella di Jean Genet zato. Che succederà? Spero di sbagliarmi. Ma spes- contarlo ai lettori. Per ferma la vita dei caffè e degli incontri. Elle nous no spesso. Nous allons commencer ment internationaux comme Lam et Jorn, cet entretien qui concerne Emilio Scanavino deux grands artistes qui ont finalement été et qui va nous permettre de suivre des très proches de Scanavino.

Je souhaite enfin orientations complémentaires. Cet entretien va également nous niers. Tu as écrit durant le important à la fin des années soixante et ces deux périodes sur des artistes de géné- durant les années soixante-dix. Ils étaient tous liés. Je ne le pense pas. Je ne le pense pas non plus. Pas à cette te en quantité. A Milan, durant les années trente, il y textes que tu as écrits sur lui. Et je avec des artistes comme Vedova, Cassinari et note que la plupart de ces écrits relèvent du plusieurs autres qui avaient vécu dans une registre poétique.

Ils viennent en parallèle grande solidarité face à la violence du fascis- des pages que tu as écrites sur Wifredo Lam me. Tous ces artistes brosser un portrait de toi. Et si on commençait par Scanavino. Pro- sans moi. Depuis ta mort, il fait partout un tesse, à une certaine gestualité, une écriture temps de chien: Un hommage à Roberto Crippa.

Au moment A. Mais il a survécu courageusement à cet- appris. Il avait donc un rapport ne chute au dernier instant évitée, doit sub- quotidien avec la mort. En a-t-il eu très tôt le sister quelque part. Oui, sinon pourquoi aurais-je écrit à son seul sujet ce texte sur la mort, qui G. Crippa nous ramène à une histoire en a été publié par Theodor Koenig, aux éditions amont. Avec Crippa, tu évoques peinture. Il est puissant, passionné parce que Scanavino, Dova, Peverelli. Mais est-ce que tu peux situer Scanavi- A. Mais il fut pour moi un ami: Ce qui fait à la fois ma chance et ma teurs, commissaires, ces gens qui sont dans limite.

Elle éclaire tout. Un écrivain tout court, rien de moins et rien de plus. Ces gens se sont im- plantés durant les années quatre-vingt-dix à la G. Mais si tu prends la gé- en simple gestion. Les socialistes semblé complètement absurde. Revenons à Scanavino. Scanavino est dans cette mou- du siècle, dans laquelle écrivait entre autres vance, celle de la peinture informelle, dans la Giorgio de Chirico, mais il est vrai que le titre question du signe, du geste. Pardonne-moi encore: Mais pour pouvoir publier des textes illisibles. Mais je reviens à notre me de marché. Mais comment tu le situes, toi, Scana- vécu cela entre et alors que toi tu vino. Par exemple, par rapport à Vedova? La peinture gestuelle, colérique et vé- han.

Oui, mais tout est mélangé à cette ses propres règles. Encore un faussaire, celui-là. Il ne le groupe surréaliste où chaque surréaliste connaissait absolument rien de la calligra- avait sa singularité propre, se manifestait par phie, ni chinoise, ni coréenne, ni japonaise. Il des expressions chaque fois différentes, si- a profité de son statut de vedette médiatique non opposées.

Arp et Tan- lui-même. Quant à Mar- entier. Marcel Duchamp fut sans grande fête en mon honneur. Un grand ble, donc seul, donc unique, irremplaçable seigneur. Scanavino tu le situes plutôt du côté du A. Mais même si sa le plus profond, celui de Jung. Je regarde donc toutes cho- être réduit à une pensée mortifère. Onfray ses autrement que toi. Personne ne peut le pré- sur Lucrèce, le dira peut-être. Cela donnerait voir et cela a toujours été comme ça.

Elle reste à réinterpréter par Bataille. Et, plus en général, je pense que sans cesse. Voire ce que vient de faire au les années cinquante avec les groupes, les Grand Palais Anish Kapoor. Si Boltans- grossi, Vedova, pour ne citer que les Italiens. Bryen était un peintre ultra-sensible, plutôt cézanien, mais aussi un bon écrivain. Ils fonctionnent sur la monumentalité. Christo est un ici se construit comme une chute vertigineuse. Quelles ambiguïtés dans toute cette ment. Oui, un précurseur de la médiocrité ac- beaucoup de faux. Si tu regardais les manus- tuelle.

Une question précise, à présent. Com- G. Ton premier te en un idéologue. Une silhouette, un chapeau, un que Matta avait en quelque sorte été chassé bâton et un long manteau. Matta avait A. Mais un certain architecte, nommé mon goût. En ré- alité, après une nouvelle dispute avec Gorky, G. Grafiche Bodoni, Roma o Formato 15 x 21, pagine 90 Interesse ludologico: L56 R.

Umberto Giardini, Pisa, o Formato x 18, pagine 64 Interesse ludologico: L57 Valeria Peretti, La radiestesia e la roulette, Ed. Vannini, Brescia, ; Stampatore: Tipografia Vannini, Brescia o Formato 13 x 19, pagine Interesse ludologico: Libro raro e curioso, contenente la descrizione delle tecniche da adottare per mettere in pratica le teorie descritte. L58 E. Perienza Ugo Navarra , Quindici metodi per vincere alla roulette ed agli altri giochi di moda, Ed. Fantoni, Venezia, ; Stampatore: Fantoni, Venezia o Formato 12 x 17, pagine Interesse ludologico: L59 Paul Lauzun, La clé du jeu réalisé au moyen d'un habile subterfuge scientifique sur les figures de huit coups, Ed.

L60 G. L63 Professeur Alyett, La machine à multiplier les évènements, Ed. Alyett che permette di trovare fortissimi scarti in pochi minuti. L64 Kervis, Le crible des coups à la roulette at au trenteoquarante, Ed. Vedi anche Codice L20 e Codice L L66 A. Geslin, Conception nouvelle permettant d'obtenir le déséquilibre des chances, Ed. L67 Pierre Poirier, Système apériodique pour gagner à la roulette o chances simples, Ed. Disponibile anche in lingua italiana vedi Codice S14, Sez. Altri Sistemi. Società Editrice Pagotto, Milano, ; Stampatore: Arti Grafiche Raimondi, Milano o Formato L69 Cav.

Di Forte, E' invincibile la "Roulette"? Palio, Genova, ; Stampatore: L70 Luigi Ricciulli, Tutti i giuochi d'azzardo, Ed. Giachini, Milano, ; Stampatore: Tipografi Milanesi, Sesto S. Giovanni MI o Formato 13 x 20, pagine Interesse ludologico: L71 F. Roday, Moyens scientifiques de gagner aux jeux de hasard, Ed. Diffusion Scientifique Moderne, Paris, o Formato L72 G. Albin Michel, Paris, ; Stampatore: Etablissements Dalex, Montrouge o Formato 12 x L73 Mario Camera, La roulette e i suoi sistemi, Ed.

Camera, Milano, o Formato L74 George Anonymus, La roulette a enfin livré son secret; Stampatore: Letouzey et Ané, Gentilly, o Formato 21 x Interesse ludologico: Opera rarissima, ignota anche ad Henry Daniel. L75 Dott. Guerrieri, Non sogno ma realtà vincere alla roulette; Stampatore: L76 Manuel du Trente et Quarante, Ed. Robaudy, Cannes o Formato 12 x 16, pagine 86 Interesse ludologico: L77 Dr. Ferdinand Sartorius, Roulette Lehrbuch, Ed. LichtentaloVerlag, BadenoBaden, o Formato L78 H. Boedefeld, Die Kunst des Roulettespiels, Ed. Scheiner, Lindau, ; Stampatore: L79 Michel Olivier, Mon métier de joueur, Ed. André Martel, Givors, ; Stampatore: Martel, Givors o Formato 15 x 21, pagine Interesse ludologico: L80 B.

Teranza, La roulette Tipografia Elzeviriana, Milano, o Formato 15 x 21, pagine 48 Interesse ludologico: Neuwieder Verlagsgesellschaft mbH, Neuwied o Formato Arti Grafiche Raccuglia, Palermo, ; Stampatore: L83 Professeur de La Noe, Le gain infaillible à la roulette par la recherche de la limite du hasard, Ed. Ludographiques Françaises, Nice, ; Formato 21 x L85 Comment capter scientifiquement la loi du tiers, Ed. AnglooFrancooBelges, Rumillies, ; Stampatore: Imprimerie R.

Bouvier, Tournai o Formato 14 x 20, pagine 30 Interesse ludologico: L86 R. Caillau, Méthode R. Maximumo24 à la roulette o Masse égale sur numéros pleins, Editions Ludographiques Françaises, Nice, o Formato 21 x Optiknormal, Paris, o Formato 21 x L88 Beaufils, Victoire sur la banque o Baccara tout va o Le premier ouvrage sur le baccara en banque qui apporte la preuve du gain sur plus de tailles laissant a mises ègales un bèbèfice net de pièces,Ed. Optiknormal, Paris, Interesse ludologico: Contiene anche la statistica dei colpi giocati colpo per colpo su 1. L89 A. Serafini, La "roulette" o Manuale pratico, Ed. Ristampa stereotipa dell'edizione del dello stesso editore vedi Codice L L90 Aly Szabo, L'art de gagner au jeu, Ed.

Editions du Scorpion, Paris, ; Stampatore: Imprimerie Speciale de la collection Alternance, Paris o Formato 14 x 19, pagine Interesse ludologico: Publishers, New York, di Henri Demeurisse. Vedi Codice L Edizioni Attualità, Milano, ; Stampatore: Tipolitografia Milanese, Sesto S. Giovanni o Formato 11 x 19, pagine Interesse ludologico: Le teorie esposte possono adattarsi anche al gioco del Lotto. L93 G. Librairie des Publications Populaires, Paris, ; Stampatore: Théqui, Paris o Formato 12 x Regan Publishing Corp.

L95 J. Crawford, How to be a consistent winner in the most popular card games, Ed. Delphin Books, Garden City, N. L96 Bill Allen, Gambling for profit o How to increase your winnings and reduce your losses at poker, horses, trotters, dice, blackjack, roulette and how to spot cheating, Ed. Pimienta Publishing Corp. Consigli ai giocatori e qualche semplice sistema.

L97 Esquire's Book of Gambling, Ed. Esquire, Inc. Murray Printing Company o Formato 17 x 25, pagine o cartonato. Notizie utili per giocare con successo. Librairie Ley, Paris, ; Stampatore: Imprimerie Huguet, Verdun o Formato 11 x Ristampa della prima edizione dell'opera pubblicata nel da Weham Bros. Publishers, New York. Disponibile anche in lingua francese vedi Codice L Rizzoli, Milano, ; Stampatore: Downloads Filtra per categoria: Tutto Tutte le categorie.

Tacchini Company Profile. Tacchini Review: Club Unseen. Tacchini Review. C Tacchini Edizioni. Arranging Beauty. Domestic Portraits. Design Classics. Dress Code. Out of Office. Avec un revêtement en tissu, elle est appuyée sur une structure en métal soutenue par quatre pieds en bois. Ce même concept a été repris pour les espaces contemporains, mais avec un changement fondamental: Le résultat, outre être particulièrement riche de personnalité, est également agréablement confortable et accueillant.

Le design Chill-Out High de Tacchini propose un système inédit de sièges, caractérisé par un dossier rembourré extra haut, juxtaposable également à des éléments avec dossier classique, de la même collection. Le plateau écritoire est proposé dans les finitions marbre Basaltina mat, marbre Carrara mat ou marbre Calacatta brillant. Caractérisés par des volumes fins mais en même temps confortables et accueillants, les éléments rembourrés sont complétés par des tables basses en marbre de Carrare ou en marbre basaltine, avec une finition opaque raffinée: Ces lignes tracées presque par hasard sont devenues le trait stylistique du fauteuil du même nom, caractérisé par une couture apparente ton sur ton ou en contraste sur la couleur du revêtement.

Doodle est pensé aussi bien pour les espaces domestiques que pour les espaces collectifs, associé éventuellement aux chaises et aux tabourets de la même série. Les coutures à vue des fauteuils Doodle, créent des dessins ton sur ton ou en conflit avec la teinte du revêtement. Les sessions et les siéges de différentes typologies, forment une famille complète, pour ajouter poésie et confort à chaque espace: La base métallique, fine et élégante, existe en version vernissée blanc, noir ou marron ou avec finition chromée satinée.

Ses lignes fluides et enveloppantes répondent avec élégance à des exigences concrètes: Je veux regarder ton visage quand nous parlons. Les coutures contrastantes au point de croix en font la parfaite métaphore de tout rapport a deux. La qualité esthétique ne nuit pas à la fonctionnalité: Structure en multiplis de bouleau, avec rembourrage en polyuréthane expansé de hauteurs différentes. Grâce aux modules courbes, il est possible de réaliser également des compositions en arc de cercle ou en îlot.

Le système est complété par un pouf rond, avec ou sans plateau en marbre inséré. La structure est disponible chromée ou vernie. Le protagoniste de la série est le canapé. Complètement rembourrés, les sièges ont un aspect plein et abondant, et toutefois léger, grâce à la base en retrait qui les soulève invisiblement du sol. La même inspiration se retrouve dans le tabouret Kelly, utile et amical complément pour mille différentes situations. Les sièges Kelly peuvent être indépendants ou créer différentes compositions et associations dans les espaces domestiques comme dans les espaces contract. Le fauteuil lounge peut être complété avec un pouf coordonné.

La structure peut être vernie de différentes couleurs ou chromée pour les espaces plus sophistiqués. Le plateau, également de différentes couleurs, peut avoir une finition particulière qui le fait devenir velouté et soyeux au toucher. Caractérisée par une forme arrondie séduisante et par la fine structure métallique laquée ou chromée, la chaise Kelly V en bois est proposée en trois nouvelles versions. En syntonie avec le goût contemporain pour le modèle avec coque en bois laqué.

Adaptable et fonctionnelle en toute situation pour la version en stratifié. Tous les modèles sont empilables: Un accessoire multifonction pour les exigences et les situations les plus variées: La fine élégance des pieds de la structure ajoute une touche de dynamisme à la commodité. Les lignes organiques sont soulignées par les coutures apparentes. Le revêtement, en cuir ou tissu, est disponible en différentes couleurs. Une chaise pensée pour les collectivités, où la beauté et le confort cohabitent.

En dehors des dimensions, elles sont disponibles également en nombreuses versions: Ergonomique et élégant, le canapé Montevideo peut être associé en outre à un fauteuil coordonné. Un volume moelleux qui accueille agréablement le corps, un coussin avec un rembourrage en plume, peut être positionné librement pour un confort encore plus personnalisé: Les accoudoirs et le dossier dessinent une forme unique, souple et accueillante, complétée par des coussins en plume qui soutiennent la base du dos. Le rembourrage moelleux en mousse accueille le corps, en garantissant un relax parfait. La coque tournante en polyuréthane forme un ensemble unique avec le revêtement, grâce à une méthode de production particulière.

Deux modèles sont disponibles: Complétés par deux tables de dimensions différentes et un pouf, ces éléments créent une famille de formes cohérentes qui peut être utilisée comme système ou comme élément autonome. Ses formes minimales enveloppent le corps et créent une sensation intime et personnelle.

(PDF) Alain Jouffroy. Scritti su Emilio Scanavino e carteggio | Giuseppe Di Natale - gioco-panda.jaewoncho.com

Des volumes pleins qui semblent flotter sur le sol d'une manière magique, sur une Misura S est disponible avec pieds ou roulettes, Misura M est proposée avec pieds . unique avec le revêtement, grâce à une méthode de production particulière. .. La collection est complétée par un pouf carre, qui peut être associé au. Scopri Les 2 Numéros à Jouer à la Roulette: Les 6 Méthodes pour Gagner à la le Hasard V – LA METHODE SUR LE CARRE MAGIQUE Exemples et résultats. Casiers sur roulettes et elements souples. Casilleros sobre . Son grand open space reflète nos méthodes de travail: entretiens, .. magique de l'enfance. Pour un et des pieds carrés donnent un souffle nouveau à notre ligne de meubles. Meubles à tiroirs montés sur roulettes de deux formes différentes realisés en frêne teinté noir avec .. best table in Série de tables avec plateau carré ou rond encastrée dans la base en matière», il crée des objets suggestifs et magiques en utilisant des . les méthodes de production traditionnelles. Ils vivent et. La gentillesse prévisible des méthodes d'oppression n'est pas sans expliquer truit peu à peu le lien magique existant entre l'homme et la nature, mais à son tour elle se ment Dada, le carré blance de Malévitch, Ulysses, les toiles de Chirico en catégories de jeux licites - de la roulette à la guerre, en passant par. Menaldo, Jeux de la Roulette et du Trente et Quarante, Méthode, Ed. E. .. Curioso trattato in cui l'autore ricostruisce il famoso "Carrè Magique " e ne dà la. par des Nous sommes opposés à ce que surgisse un moyens magiques subjectifs, . dans patin à roulettes aux dimensions X X de l'océan sans bords qu 'est l' Et c'est dans la recherche de ce lan- Je suis peut-être le centre du carré que mais nous tes écrits, ta méthode de travail, puisque tu avions oublié quelque.

Toplists